Ristorante PesceAzzurro Arquata del Tronto

TERREMOTO: AD ARQUATA DEL TRONTO I SAPORI DEL PESCEAZZURRO

Iniziativa pensata dall’associazione di volontariato C.B. Club “Enrico Mattei” di Fano (Pu) insieme alla catena di ristorazione self-service

Portare il sapore del mare, e magari anche un po’ del suo profumo, fra le montagne di Arquata del Tronto (AP). Nasce dal pensiero di alleggerire in qualche modo un momento difficile per le persone colpite dal terremoto, anche se solo a livello culinario, l’incontro fra l’associazione di volontariato C.B. Club “Enrico Mattei” di Fano (Pu) e il PesceAzzurro, la catena di ristoranti self-service. Oggi a pranzo, nella mensa coordinata dall’associazione ad Arquata, sono arrivati i sughi del PesceAzzurro per condire la pasta per le 450 persone, di cui 20 volontari, che ogni giorno mangiano nella struttura predisposta nel campo di Arquata del Tronto.

arquata2

Nella foto: I VOLONTARI. L’Associazione C.B. Club “Enrico Mattei” di Fano ad Arquata

 

“Abbiamo pensato che una “giornata pesce” – dice Saverio Olivi, presidente del C.B. Club “Enrico Mattei” – potesse in qualche modo diversificare il menù per le persone che mangiano nella mensa. E speriamo che il poter pensare al mare, anche solo un momento, le possano alleggerire un po’ dei loro pensieri”. “Abbiamo subito accolto la proposta dell’associazione perché la solidarietà fa parte del nostro essere impresa – commenta Marco Pezzolesi, amministratore unico del PesceAzzurro -, abbiamo, infatti, portato avanti una raccolta fondi quando ci fu il terremoto in Emilia Romagna e adesso lo stiamo facendo per le persone colpite da questo sisma. Perché crediamo che ogni gesto di aiuto, di sostegno, anche piccolo, possa contribuire a stare vicino a chi soffre”.  Fino al 30 settembre, per ogni “Menù del Cuore” che sarà consumato in ognuno dei cinque PesceAzzurro, Senigallia (An), Fano (Pu), Cattolica (Rn), Rimini, Milano Marittima (Ra), 5 centesimi saranno destinati a progetti per le popolazioni colpite dal sisma.

Comunicato Stampa | Fano, 20 settembre 2016

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

uno × 4 =