DIFFERENZA TRA ALICI (O ACCIUGHE) E SARDINE - Pesce Azzurro

DIFFERENZA TRA ALICI (O ACCIUGHE) E SARDINE

pesceazzurro_alice-o-sardina_1200x630_post-social-2018

Al pesce azzurro appartiene una grande varietà di famiglie di pesci, principalmente pesci di piccole dimensioni di cui il Mare Adriatico è molto ricco, tutti caratterizzati da squame bluastre sulla parte superiore del corpo e argentate/biancastre sulla parte inferiore.

Tra questi i più noti sono lo sgombro, la sardina e l’alice (o acciuga), anche se spesso si è indotti a confondere sardine e alici a causa della loro somiglianza e di un utilizzo improprio del nome. Cominciamo proprio dalla duplice denominazione alice/acciuga: da cosa nasce questa ambivalenza?

  • Alici e acciughe hanno modalità di lavorazione e conservazione simili ma non identiche: generalmente le alici dopo essere state pescate vengono sfilettate, conservate sott’olio oppure fatte arrosto con l’aggiunta della mollica del pane, mentre le acciughe conservate intere sotto sale;
  • L’ittiologia ci dice che alici e acciughe fanno entrambe parte della famiglia delle Engraulidae, ma al banco del pesce non è raro trovarle separate e distinte in base al loro ciclo biologico. Vengono cioè considerate alici i pesci più piccoli e ancora giovani, acciughe i pesci adulti di dimensioni maggiori.

Veniamo ora alle differenze principali, tra alici (o acciughe) e sardine, queste ultime appartenenti alla famiglia delle Clupeidae:

  • Le alici sono caratterizzate da un corpo piccolo e affusolato con sfumature dorate delle squame e raramente superano i 18/20 cm di lunghezza;
  • Le sardine invece hanno un corpo più tozzo, sfumature rossastre e possono raggiungere i 25 cm di lunghezza;
  • Ciò che le distingue maggiormente è la bocca: la sardina ha la mascella inferiore più accentuata di quella superiore mentre l’acciuga, ha la parte superiore della mascella pronunciata e appuntita.

Anche il sapore di alici e sardine si assomiglia ed entrambe vengono spesso proposte fritte, arrostite o marinate ma soprattutto entrambe hanno le tipiche caratteristiche nutrizionali del pesce azzurro:

  • Grassi insaturi (i cosiddetti grassi “buoni”) omega3, che favoriscono la diminuzione dei livelli di colesterolo;
  • Sali minerali selenio, calcio, iodio, fosforo, potassio, fluoro, zinco;
  • Vitamine A e B.

Pesceazzurro ha fatto di questo prezioso pesce il suo ingrediente principale, lo trovate infatti nel nostro menù ogni giorno, arrosto.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi